30 settembre

Torna Degustamondolat: appuntamento il 30 settembre

In Home, Laboratorio Interculturale News, Le Iniziative, News by Enrica Stellatelli

Quarta edizione di DEGUSTAMONDO LAT

Una festa a base di piatti tipici legati ai luoghi di provenienza dei nostri soci

Domenica 30 settembre 2018, a partire dalle ore 10, presso il circolo 1° maggio in località Le Sieci (Via Pietro Mascagni 41), alle porte di Firenze, si svolgerà la quarta edizione del “DegustamondoLat”. Come l’anno scorso, tutti i  comitati soci, i soci e gli addetti saranno  coinvolti in un’iniziativa che offre l’opportunità di essere protagonisti, attraverso la presentazione di piatti tipici legati ai tanti luoghi di provenienza:  le diverse città della Toscana, le altre  regioni italiane e i tanti paesi dell’est europeo, dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina.

Ma perché organizziamo  “DegustamondoLat”?

Per molte ragioni. Per stare insieme in allegria, innanzitutto;  per conoscerci e riconoscersi reciprocamente attraverso il cibo; per condividere relazioni, idee e rafforzare la nostra identità; per discutere e progettare la cooperativa del futuro.

Tutti, soci e addetti, sono invitati a  pensare e a preparare una ricetta  a loro cara,  corredata di un pensiero legato alle emozioni, ai profumi , ai ricordi che  suscita il piatto; si potrà anche indicare una canzone o un brano musicale  rappresentativo della terra di origine.

Prima del pranzo sociale e della festa, la presidenza svolgerà una comunicazione sull’analisi del questionario inviato a tutti i dipendenti e sulle altre attività volte a strutturare forme nuove e mirate di partecipazione dei soci, oltre che informare sugli sviluppi del progetto a tutta diversity.

PROGRAMMA
11,30 comunicazioni della presidenza
13 “Si mangia!” – a tavola per scoprire tutti i piatti del Degustamondolat 2018

Nel corso della giornata sarà garantito un servizio gratuito di animazione per bambini.

DegustamondoLat non nasce dal nulla, ma da un percorso iniziato molti anni fa.
Nel 2009 Cooplat, per conoscere meglio la realtà così complessa delle diverse culture e nazionalità presenti in cooperativa, ha avviato con il Ceuriss (Centro Europeo di Ricerche e Studi Sociali) un’indagine conoscitiva, curata dai Professori Carlo Colloca e Andrea Pirni. Dal report presentato nel 2011 è emerso che i lavoratori stranieri Cooplat stanno costruendo in Italia il loro progetto di vita. Hanno un lavoro e lo considerano la cosa più importante della vita, dopo la famiglia; esprimono inoltre un forte senso di appartenenza al quartiere e alla città dove risiedono e il 57% di loro “non trova mai difficoltà nella comprensione dell’italiano”.

Il motore di questa buona integrazione è stato ed è il lavoro. E infatti il lavoro viene percepito non solo come un “bisogno”, ma anche come un “valore”: gli stranieri di Cooplat si dicono tra l’altro consapevoli del fatto che lavorando contribuiscono “alla ricchezza del Paese”.

Sul sito della cooperativa, alla voce Laboratorio interculturale, si possono leggere approfondimenti e vedere (anche rivedersi per tanti di noi) immagini e video delle precedenti edizioni.